(RE)think
dance.

NID New Italian Dance Platform
Reggio Emilia 10-13 October 2019

NID Platform

Bad Lambs

Teatro Ariosto - Corso Cairoli 1, Reggio Emilia - giovedì 10 ottobre, ore 15.00

Durata: 75 minuti

Coreografia di: Michela Lucenti

Interpreti:

Maurizio Camilli, Giacomo Curti, Ambra Chiarello, Giuseppe Comuniello, Michela Lucenti, Aristide Rontini, Emilio Vacca, Natalia Vallebona, Filippo Porro.

Altri crediti:

Drammaturgia: Carlo Galiero, Cinematografia: Giorgina Pi/Bluemotion, Assistente alla creazione: Maurizio Camilli, Luci: Stefano Mazzanti, Costumi: Chiara Defant, Suono: Tiziano Scali

 

ACQUISTA 

Spettacolo

Una partitura fisica per un nucleo allargato di interpreti: Bad Lambs unisce al nucleo stabile alcuni danzatori diversamente abili avviando nuovi processi e incontri, amalgama corpi diversi per trovare un’armonia, un accordo che sia il comune denominatore di un viaggio nel presente. 

Cos’è un fantasma? È qualcosa che persiste nella misura in cui influenza le nostre azioni. I “bad lambs” hanno perso la parte migliore di loro in un incidente stradale. Non tutti se ne rendono conto, ma ognuno è incapace di dire addio al proprio fantasma. Eppure ci provano: sbattendo, perdendo l’equilibrio, tirandosi e spingendosi, spaccando porcellane, correndo, alla ricerca disperata di un posto da chiamare casa, che sia un armadio, una canzone neomelodica, una poesia, il passato.

Bad Lambs non è una bella favola che ammorbidisce una triste verità. Certo, indaga la grazia con cui un individuo accetta qualsiasi trasformazione o perdita. Si nutre di una dignità che non sta nella bella forma, ma negli sforzi che si fanno per inventarne una. Una volontà determina la differenza fra quello che è stato e quello che non è più, seleziona ciò che del passato può essere utile al presente e, se non trova nulla, se lo inventa: autoconservazione. Non c’è provvidenza, le forme di umanità hanno tutte la stessa dignità ma nessuno si salva. Non c’è migliore o peggiore. Paradiso e inferno sono due modi di chiamare l’eternità aventi la stessa struttura, come la storiografia e un racconto di finzione.

Bad Lambs esplora ciò che possiamo fare quando abbiamo perso tutto. Racconta la guerra che l’umanità affronta affinché la morte diventi tragedia, il rumore musica, il movimento danza, la parola poesia, la vita un’avventura.

 

Coreografo

Michela Lucenti incontra il lavoro della compagnia di Pina Bausch attraverso i suoi danzatori Beatrice Libonati e Jan Minarik. Frequenta la Scuola del Teatro Stabile di Genova ed entra in contatto con l’ultima fase del lavoro di ricerca di Jerzy Grotowski, attraverso gli insegnamenti di Thomas Richards. Nel 2003 fonda Balletto Civile. Negli anni il suo lavoro è stato sostenuto e prodotto dal CSS di Udine, dal Teatro Due di Parma, dal Teatro della Tosse di Genova in cui tutt'ora si trova in residenza, e dalla Neukoellner Oper di Berlino.
Grazie a Balletto Civile, Michela Lucenti ha ricevuto diversi riconoscimenti per il proprio lavoro: il Premio ANCT nel 2010 e nel 2012, il Creole Prize nel 2010, il Premio Internazionale Roma Danza nel 2011, il Premio Mydream nel 2012, il Premio Hystrio Corpo a Corpo nel 2016, il Premio Danza e Danza Miglior Produzione nel 2017 per Bad Lambs.

Compagnia

Balletto Civile è un progetto artistico nomade animato da una forte tensione etica, che si caratterizza per la ricerca di un linguaggio scenico totale. L'équipe artistica privilegia l'interazione tra il teatro, la danza, il canto dal vivo originale e la profonda relazione tra gli interpreti. Gli spettacoli di Balletto Civile hanno molteplici ispirazioni che vanno dalla rilettura, spesso irriverente, dei grandi classici del Teatro, della Danza e della Musica, passando dalla drammaturgia originale di autori italiani, fino alla messa in scena di grandi autori stranieri. In questi anni Balletto Civile ha ricevuto diversi riconoscimenti per il proprio lavoro e gli spettacoli prodotti sono stati rappresentati in numerosi teatri e festival del panorama Italiano e internazionale, tra i quali: Biennale di Venezia, Festival di Santarcangelo, Teatro Eliseo di Roma, Festival Oriente Occidente, Teatro Comunale di Ferrara, Teatro Comunale di Vicenza, Teatro Stabile di Torino, Festival Internazionale del Cairo, Festival di Volterra, Teatro Comunale di Bolzano, Festival di Ravello, Festival di Spoleto, Teatro dell'Elfo, Neukollener Opera, Anhaltischen Theater Dessau.

Condividi