(RE)think
dance.

NID New Italian Dance Platform
Reggio Emilia 10-13 October 2019

NID Platform

Full Moon

Teatro Ariosto - Corso Cairoli 1, Reggio Emilia - venerdì 11 ottobre, ore 17.00

Durata: 70 minuti

Coreografia di: Mauro Astolfi

Interpreti:

Maria Cossu, Giuliana Mele, Giacomo Tedeschi, Mario Laterza, Pablo Girolami, Lorenzo Capozzi, Aurora Stretti, Alice Colombo, Valentina Staltari

Altri crediti:

Coreografia e regia Mauro Astolfi: Disegno Luci: Marco Policastro, Set concept: Mauro Astolfi/Marco Policastro, Musiche: AAVV, Costumi: Anna Coluccia, Produzione: Spellbound, Con il sostegno di: Mibac, In collaborazione con: Fuori programma Festival

Spettacolo

Full Moon racconta il percorso necessario per cercare di decifrare la realtà individuale. Si tratta forse di un’operazione impossibile, basti pensare, ad esempio, come le sole fasi lunari possano agire in profondità sull’uomo, sulla natura, provocando uno stato dove ci si sente smarriti, se non addirittura torturati dalla sensazione di non essere mai completamente capaci di farcela. Ma al tempo stesso la luna piena accresce l’energia, la capacità irrazionale di prendere una decisione e di liberare la propria dimensione istintuale. 

Full Moon è una breve storia che rimane inizialmente sospesa. Parla di quei pensieri “fuori controllo” che potrebbero sembrarci negativi, ma che non lo sono, che non descrivono affatto la realtà in cui vogliamo vivere, anche se magari è ciò che stavamo manifestando. Prima di diventare piena la luna è un fenomeno che influenza, smuove e disordina tutto quello che c’è intorno a noi, così la luna piena è una sorta di “risveglio” del nostro lato istintivo, il momento in cui sentiamo a “fior di pelle” cosa sta accadendo d’importante, dove capiamo cosa lasciar andare per far sì che nostra Luna diventi eterna.

Coreografo

Mauro Astolfi è uno degli autori contemporanei italiani maggiormente rappresentativi sulla scena europea. Oltre alle numerose produzioni per Spellbound, Astolfi è attivo come coreografo free lance per cui firma, tra le altre, creazioni per Israel Ballet, Compania Colombiana de Ballet, Kitonb Extreme Theatre Company, Thatreschool di Amsterdam, Balletto di Roma, Szegedi Kortárs Balett in Ungheria, Liepziger Ballet, Magdeburg Ballet e Gärtnerplatztheater in Germania, River North Chicago Dance Company, Backhaus Dance Company e Ballet Ex negli Stati Uniti, Arts Umbrella Dance Company e Proartedanza in Canada. Assieme all’attività di coreografo Mauro Astolfi è costantemente impegnato come guest teacher nei maggiori centri di danza e dall’ottobre 2009 è inoltre Direttore Artistico del Centro D.A.F. (Dance & Arts Faculty - Progetto Internazionale di Danza e Arti Performative) a Roma. Dal 2016 al 2018 è stato docente ospite presso la Scuola di Ballo del Teatro dell'Opera di Roma.

Compagnia

Spellbound Contemporary Ballet è nata nel 1994 per volontà del coreografo Mauro Astolfi cui si è aggiunta alla guida due anni dopo Valentina Marini, avviando per la compagnia un'intensa attività d’internazionalizzazione. Forte di una cifra stilistica inconfondibile, esaltata da un ensemble di danzatori considerati tra le eccellenze dell’ultima generazione, Spellbound si colloca oggi nella rosa delle proposte italiane maggiormente competitive sul piano di una dialettica internazionale, convincendo le platee dei principali Festival di Europa, Asia, Americhe. Negli anni la Compagnia ha posto le basi di un percorso dove il divario tra spettatore, amatore e artista si è fatto sempre più sottile. Attraverso venticinque anni di seminari e workshop, ha alimentato una filiera creativa che ha avvicinato al palcoscenico migliaia di danzatori e curiosi. Nel consolidare questo processo ha dato luogo a un autentico vivaio in termini di formazione, in un rapporto dialettico con la Compagnia, processo culminato con la residenza presso Daf Dance Arts Faculty. Le attività di Spellbound, oltre alle creazioni di Astolfi, abbracciano una serie di progetti in rete con altri artisti e istituzioni su scala internazionale, come il recente “La Mode”, installazione a firma di Tomoko Mukayiama e Tojo Ito che ha inaugurato il National Taichung Theater a Taiwan nell’ottobre 2016.

Condividi