(RE)think
dance.

NID New Italian Dance Platform
Reggio Emilia 10-13 October 2019

NID Platform

Opacity#5 – Open Studios

Fonderia - Via della Costituzione 39, Reggio Emilia - venerdì 11 ottobre e sabato 12 ottobre, dalle ore 9.45

Durata: 20 minuti

Coreografia di: Salvo Lombardo

Interpreti:
Altri crediti:

(Cast e crediti preliminari)
Ideazione, coreografia e regia: Salvo Lombardo, Performance: Jaskaran Anand, Daria Greco, Salvo Lombardo, Musiche: Fabrizio Alviti, Giuseppe Verdi, Video: Maria Elena Fusacchia, Consulenza culturale: Viviana Gravano,
Partner/Coproduttori/Residenze: Produzione: Chiasma, Con il sostegno di: MiBAC – Ministero Beni e Attività Culturali, Coproduzione: Centro Nazionale di Produzione della Danza Scenario Pubblico, Triennale Milano Performing Arts\ FOG, Ariella Vidach\AiEP, Triangolo Scaleno Teatro, Festival Teatri di Vetro, In collaborazione con: Versiliadanza, Spellbound Contemporary Ballet, ACS Abruzzo, Realizzato nell’ambito del progetto: “L’esemplare capovolto” di Chiasma.

Spettacolo

Il lavoro parte da una lettura post-coloniale del celebre Gran Ballo Excelsior, creato nel 1881 per celebrare la vittoria della Civiltà contro l’Oscurantismo che costringe i popoli “nelle tenebre del servaggio e dell’ignominia”, collocandosi in un preciso disegno culturale di affermazione del concetto di identità nazionale e del suo immaginario di riferimento. La domanda che ha mosso l’intero processo di lavoro è: a distanza di quasi un secolo e mezzo, cosa sopravvive oggi, nelle culture contemporanee, di quell’idea di modernità tesa ad addomesticare tutto ciò che è altro da sé?  Opacity#5 tenta di mettere in crisi i principi stessi della classificazione interrogando concetti come bandiera, tradizione, modernità, canone, stereotipo, nazione, progresso, civiltà, luce e oscurità. Utilizza la de-costruzione dell’immaginario e interroga diverse iconografie del corpo tese, oggi, ad un appiattimento delle culture della differenza, determinando un carattere fisso e universalistico delle identità. Opacity#5 si pone come critica all’emanazione di un sapere dominante ed etnocentrico che identifica l’Occidente come unica fonte di narrazioni e come origine nella produzione di significato. Il progetto Opacity è strutturato in un ciclo di performance numerate progressivamente, pensate come capitoli autonomi. Parte di questi capitoli confluiranno infine in un lavoro scenico dal respiro più ampio e articolato. 

L’intero progetto Opacity coprirà l’intero arco temporale 2018\2020. Opacity#5 verrà realizzato nel corso del 2019. Le residenze già effettuate per la realizzazione dei primi quattro capitoli si sono svolte in collaborazione con: Triennale Milano Performing Arts, Ariella Vidach \ AiEP, ACS Abruzzo, Compagnia Versiliadanza, Compagnia Danzestemporada, Spellbound Contemporary Ballet, Festival Teatri di Vetro, Festival Corpi in Movimento. Le residenze già programmate per la realizzazione di Opacity#5 avranno luogo tra giugno e settembre 2019 presso: il Centro di Produzione Nazionale della Danza Scenario Pubblico \ Compagnia Zappalà Danza, Catania, Cross Residence, Verbania. Le residenze e il debutto dell’intero progetto nel 2020 sono ancora in definizione.

Coreografo

Salvo Lombardo è performer, coreografo e regista. Ha approfondito gli interstizi tra la danza, il teatro e le arti visive. Realizza azioni e manufatti in ambito performativo e artistico. La sua compagnia Chiasma è riconosciuta dal MIBAC come Organismo di Produzione della Danza “Under 35”. Nel 2015-2016 è stato coreografo residente ad Anghiari Dance Hub. Nel 2017, coreografo ospite presso la compagnia Aura Dance Theatre di Kaunas (LIT) e artista associato al Festival Oriente Occidente, dove ha creato anche la video installazione Reappearances per il Museo MART di Rovereto con il coinvolgimento della comunità locale. Nel 2018 ha vinto il bando di Residenze coreografiche Lavanderia a Vapore 3.0 di Piemonte dal Vivo e ha creato lo spettacolo Excelsior in coproduzione con il Théâtre National de Chaillot di Parigi, Oriente Occidente, Fabbrica Europa, Romaeuropa Festival e Versiliadanza. Del 2019 il progetto Bodies Moemories per la compagnia Attakkalari Dance Company di Bangalore (India).

Compagnia

La compagnia Chiasma, fondata e diretta da Salvo Lombardo, è un organismo di produzione della danza riconosciuto dal Mibac. I lavori di Chiasma si muovono tra la danza, il teatro e le arti visive con particolare attenzione ai linguaggi della video arte e sono ospitati in molti teatri e festival sia in Italia che all’estero. Tra le coproduzioni e le collaborazioni stabili quelle con il Festival Oriente Occidente, Theatre National de Chaillot, Fabbrica Europa, Romaeuropa Festival, Aura International Dance Festival, Attakkalari Dance Festival, Short theatre, Teatro di Roma, Teatri di Vetro, Attraversamenti Multipli, Festival Corpi in Movimento, Versiliadanza e Lavanderia a Vapore. Chiasma si avvale inoltre della collaborazione di numerosi artisti tra danzatori, video artisti e sound designer puntando ad una contaminazione di linguaggi e ad una ricerca artistica interdisciplinare.

Condividi