(RE)think
dance.

NID New Italian Dance Platform
Reggio Emilia 10-13 October 2019

NID Platform

WRECK

Teatro Cavallerizza - Viale Antonio Allegri 8/a, Reggio Emilia - sabato 12 ottobre, ore 16.30

Durata: 55 minuti

Coreografia di: Pietro Marullo

Interpreti:

Helena Araujo, Adrien Desbon, Noemi Knecht, Paola Madrid, Marianna Cifarelli, Francois Delcambre

Altri crediti:

Assistente: Noemi Knecht, Sound Designer: Jean – Noel Boisse, Light Designer: Julie Petite Etienne, Soft Scultpur: e Costumi: Pietro Marullo & Bertrand Nodet, Produzione: INSIEMI IRREALI Asbl, Coproduzione: Festival Oriente Occidente, Museo MART di Rovereto e Trento, Théâtre Varia de Bruxelles, La Coop asbl, Tax Shelter, Féderation Wallonie-Bruxelles, Supporti: Wallonie-Bruxelles Internationale, CDCN La Briqueterie de Val-de-Marne, RAMDAM un centre d’art, TanzHaus de Zurich, IF Barcelona Festival, Sala Hiroshima, Théâtre Marni de Bruxelles, CO.CO.F.

 

ACQUISTA 

Spettacolo

WRECK – List of extinct species è una performance interdisciplinare che mescola movimento, suono e arte visiva. Un’enorme scultura in plastica nera, morbida come un cuscino, gonfiata d’aria, si muove nello spazio. Come un cacciatore, uno “space invader”. Questo oggetto astratto ha un forte potere evocativo. Nel suo evolvere nello spazio, ingoia e lascia apparire esseri umani. Potrebbe essere considerato come un’allegoria del Leviatano o di altri mostri leggendari, una metafora del capitalismo, della condizione umana, il simbolo di un malessere spirituale o psichico. Questo oggetto ha il potere di amplificare l’immaginazione di chi sta guardando, moltiplicando le associazioni e gli strati concettuali. 

L’obiettivo è quello di affrontare le domande coreografiche attraverso un diverso campo artistico e produrre un linguaggio nuovo e originale, creando movimento con materia non animata e pietrificando i corpi animati. La drammaturgia del corpo parte da uno stato di quiete, attraversa quello dell’allerta per poi svilupparsi in quello dell’emozione tragica pura. Come se la materia-corpo, manipolata nel tempo, lasciasse apparire frammenti di vita che conducono ad un evento tragico. 

È una “performance elastica”, fatta per essere mostrata in spazi esterni ed interni, grandi e piccoli palchi, musei, mercati, stazioni, foreste, scuole, ecc. Si sviluppa in versioni lunghe o corte, con l’eventuale inclusione di comunità locali (ballerini, principianti, bambini, ecc.), grazie ad un breve workshop. La formula standard è realizzata da un team di 6 danzatori della compagnia.

Coreografo

Pietro Marullo è nato a Napoli nel 1985. Il suo approccio interdisciplinare si trova all'incrocio tra arte visiva e performativa, installazione e nuove tecnologie, profondamente incentrato su argomenti sociali, storici e antropologici. Le sue opere sono presentate in quattro continenti, in festival di danza molto importanti, in festival di performing art, in teatri, in circuiti musicali, in festival di puppet/oggetti e d’arte contemporanea, come: Festival OrienteOccidente, Festival Internazionale di Danza di Seoul, José Limon Dance Festival. Nel 2018 é stato selezionato dal network internazionale Aereowaves. Dal 2015 sviluppa un panorama estetico sui legami tra realtà e linguaggi simbolici. Questo approccio lo coinvolge nel creare un “immaginario della specie”, una riflessione filosofica per affrontare le storie delle società e le loro comuni questioni globali dal punto di vista più ampio della specie.

Compagnia

La compagnia Chiasma, fondata e diretta da Salvo Lombardo, è un organismo di produzione della danza riconosciuto dal Mibac. I lavori di Chiasma si muovono tra la danza, il teatro e le arti visive con particolare attenzione ai linguaggi della video arte e sono ospitati in molti teatri e festival sia in Italia che all’estero. Molte le coproduzioni e le collaborazioni stabili come con il Festival Oriente Occidente, Theatre National de Chaillot, Fabbrica Europa, Romaeuropa Festival, Aura International Dance Festival, Attakkalari Dance Festival, Short theatre, Teatro di Roma, Teatri di Vetro, Attraversamenti Multipli, Festival Corpi in Movimento, Versiliadanza e Lavanderia a Vapore.
Chiasma si avvale inoltre della collaborazione di numerosi artisti tra danzatori, video artisti e sound designer puntando ad una contaminazione di linguaggi e ad una ricerca artistica interdisciplinare.

Condividi